fbpx
Servizio Clienti Diretto +39 340 73 42 311
info@ivista.it C.so Margherita, 32 - Terranova da Sibari (CS)

Sostituire porte e
finestre senza
opere murarie, è
possibile? Pro e
contro.

Molti clienti spesso hanno la necessità di sostituire porte e finestre per migliorare il comfort della loro abitazione, ma non hanno la possibilità di andare fuori di casa per effettuare i lavori, quindi vogliono fare tutto nel modo più veloce e pulito possibile. Per far fronte a questo tipo di esigenze, negli anni sono state pensate modalità di sostituzione degli infissi meno invasive, che se da una parte sono sicuramente più vantaggiose in termini economici e di tempo, dall’altra, nel lungo periodo, possono compromettere la funzionalità delle nuove finestre.

 

Cosa vuol dire sostituire porte e finestre senza opere murarie

La maggior parte degli interventi di sostituzione degli infissi avvengono senza opere murarie, perché molti clienti preferiscono evitare polveri e calcinacci in casa e spendere meno.

Vediamo intanto quali sono le fasi del montaggio degli infissi su vecchi telai, senza fare opere murarie:

  • Il primo step è togliere i vecchi infissi dal telaio originale per calcolare le dimensioni esatte della finestra.
  • Tolti i vecchi infissi, rimosse le vecchie cerniere i cardini, la cinghia e il cassonetto, si riveste il vecchio legno con profili in lamiera su misura, verniciati in tinta con l’infisso
  • La finestra verrà riposta sul vecchio telaio, che, in questo caso, funge da controtelaio, e su tutto il perimetro verrà applicato un nastro di spugna auto-espandente che isola termicamente l’ambiente interno. Lo spazio tra il telaio e la muratura viene chiuso con dei coprifili in legno verniciati in tinta con l’infisso.
  • Il nuovo telaio verrà fissato alla muratura mediante “turbo viti” e schiuma, per isolarlo termicamente e acusticamente.

In questo caso, si procederà a montare i nuovi infissi sui vecchi telai, con tempi di esecuzione rapidissimi, ma scarse performance dal punto di vista termo-acustico e di risparmio energetico.

 

Montaggio infissi su vecchi telai: perché è sbagliato?

La sostituzione dei serramenti senza opere murarie è sicuramente un’operazione vantaggiosa sia in termini economici che di tempo, ma il montaggio degli infissi su vecchi telai porta con sé importanti criticità e svantaggi per il cliente. Innanzitutto, il vecchio telaio su cui poggeranno i nuovi infissi, viene ricoperto sia internamente che esternamente con un profilo in lamiera a forma di U che crea un ponte termico: in questo punto che l’aria riscaldata dai termosifoni e il freddo portato in casa dalla lamiera, si incontrano creando problemi di condensa superficiale. Altri svantaggi sono la notevole riduzione della dimensione della finestra, e quindi anche la diminuzione della luce naturale in casa, e la presenza di coprifili enormi e anti estetici. Infine, si potrà andare incontro a possibili infiltrazioni d’acqua, poiché il legno sottostante alla base della nuova finestra essendo già vecchio, a lungo termine tenderà a marcire.

 

Perchè  il venditore/serramentista consiglia la sostituzione dei serramenti senza opere murarie?

La maggior parte dei miei colleghi serramentisti propongono ai loro clienti di sostituire le finestre senza opere murarie o di montarle su un telaio preesistente. Lo fanno, pur sapendo di stare commettendo un grave errore, semplicemente per guadagnarci. Essendo la sostituzione degli infissi senza opere murarie un processo sicuramente più veloce e pulito, i serramentisti potranno lavorare su un maggior numeri di abitazioni, con guadagni maggiori.  Montare i nuovi infissi su vecchi telai è un’operazione di installazione sicuramente meno invasiva, ma a scapito della qualità della posa in opera, che rimane un fattore di fondamentale importanza. Ricorda sempre che puoi acquistare porte e finestre di ottima qualità, ma se il montaggio è scadente, rischi di vanificare l’intero investimento!

 

Montaggio infissi su vecchi telai: cosa fare per avere un risultato “ottimale”?                      

Le nuove finestre possono dare prova dei loro vantaggi in termini di funzionalità, estetica, e risparmio energetico solo se vengono montate correttamente, evitando così tutti gli spifferi e le possibili formazioni di condensa e muffe. Perciò se si decide di sostituire gli infissi per la propria casa senza fare opere murarie, bisogna tenere in considerazione vari fattori, in primis la scelta del produttore o dell’installatore a cui affidarti, il quale dovrà essere in grado di:

  •  valutare attentamente lo stato di usura del vecchio telaio
  •  fissare meccanicamente il vecchio telaio alla muratura per impedire dispersioni di calore
  • prestare massima attenzione al posizionamento dei profili uno sopra l’altro, per evitare una ulteriore riduzione dello spazio-finestra e quindi una riduzione della luminosità.
  • accertarsi che non esistano ponti termici causati da controtelai in metallo
  • utilizzare materiali idonei per questo tipo di posa
  • infine è necessario valutare il corretto deflusso delle acque meteoriche, perciò dovranno essere rimossi tutti i possibili ostacoli sul davanzale, tipo i dentelli di marmo, che potrebbero deviare il corso dell’acqua facendola entrare in casa, anziché all’esterno. È importante rimuovere ostacoli e coprire la zona con un profilo in alluminio di colore simile a quello della finestra.

 

Sostituire gli infissi lasciando i vecchi telai o rimuovere tutto?

Se si lascia il telaio preesistente c’è il rischio di avere infiltrazioni tra telaio e muratura, quindi la soluzione ottimale, in generale, rimane quella di togliere tutto il vecchio serramento, rompendo la muratura, installare un nuovo controtelaio e su questo andare a montare le nuove finestre. Un altro aspetto molto importante da considerare quando si sostituiscono gli infissi è la corretta posa in opera dei nuovi serramenti. Posare una finestra in modo scorretto infatti, favorisce l’ingresso in casa di freddo, spifferi e rumore, inficiando il comfort abitativo e aumentando i costi in bolletta. Per ottenere un perfetto isolamento termo-acustico, una maggiore sicurezza e durata del serramento dopo il montaggio, è fondamentale una che la posa in opera venga eseguita da persone specializzate, solo dopo un’accurata analisi e progettazione iniziale.

 

Considerazioni finali 

Come abbiamo visto, è possibile sostituire le porte e le finestre anche senza opere murarie, montando i nuovi infissi sui vecchi telai. Una soluzione che ti farà risparmiare sicuramente tempo e denaro, permettendoti anche di abitare in casa durante i lavori di sostituzione, ma che non assicura grandi performance e durata del serramento sul lungo periodo. Se si vuole optare per questa soluzione e ottenere i risultati sperati, è fondamentale affidarsi a una ditta seria e con una consolidata esperienza sul campo. Il nostro sistema, iVista, è stato testato e perfezionato nel tempo, per assicura un corretto montaggio degli infissi su vecchi telai, garantendoti 3 aspetti fondamentali:

  • mantenere la stessa quantità di luce che si aveva prima, se non di più
  • realizzare un lavoro anche esteticamente valido e gradevole
  • ottenere i massimi standard di qualità in termini di sicurezza e isolamento termoacustico dei nuovi infissi

Leave A Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sconto in fattura 50%

X